Segnaliamo l’articolo preciso e puntuale di Marzia Fiori Andreoni sull’app Blindspot dal titoloCyberbullismo e anonimato: il caso dell’app Blindspot”

Blindspot, creata da Dor Refaeli, permette di mandare messaggi anonimi apersone della personale lista dei contatti. Secondo un gruppo di adolescenti israeliani – ed anche secondo i parlamentari della Knesset – apre la strada ai bulli digitali e alle violenze on line

“L’app di cui parliamo oggi nella nostra rubrica App of the Week non è tra le nostre preferite, ma è indubbiamente un’app che ha fatto molto parlare di sé nel mondo e ha generato numerose critiche, anche molto accese.

blindspot-app

Disponibile gratuitamente per Android e iOS, Blindspot è un’app di messaggistica one-to-one sviluppata da Shellanoo Group, consente di inviare messaggi, note vocali, video e foto in maniera assolutamente anonima alle persone presenti nella tua lista contatti. Chi non possiede l’app non è escluso, sarà avvisato da una notifica e sarà invitato a scaricare Blindspot per accedere al contenuto. L’app ha ricevuto investimenti da celebrity come il proprietario della squadra di calcio Chelsea, Roman Abramovich e dagli artisti Wiliam e Nicki Minaj.

Bene, quello che resta da chiedersi è: perché inviare un messaggio anonimo? Per fare uno scherzo forse? Per dichiararsi alla persona amata perché manca il coraggio di farlo? Forse sì, a volte no!

Più spesso succede che evitiamo di farci riconoscere quando sappiamo che il nostro modo di agire non può essere reputato positivamente, quando quello che devi dire ha poco a che fare con sincerità, onestà e rispetto. Se anche tu sei d’accordo, sarà facile per te immaginare che per molti Blindspot non fa altro che legittimare bullismo, molestie sessuali e tutto ciò che può nascondersi dietro il mondo dell’anonimato.

Un’app troppo onesta o pericolosa?

Come abbiamo già anticipato sopra, l’app non ha ricevuto una buona accoglienza né al di fuori degli app store, né al loro interno: al momento le recensioni nel Play Store sono molto negative. In Israele, luogo d’origine dell’app, alcuni membri del parlamento, esperti e opinion leader, nonché i giovani israeliani, ne hanno discusso pubblicamente e hanno manifestato il loro dissenso presidiando i social network con i loro reclami, oltre ad unirsi nella protesta contro Blindspot creando un video in cui si chiede chiaramente la morte della app.

L’applicazione è finita una settimana fa sotto il fuoco dei membri di una commissione della Knesset, il Parlamento israeliano. Durante un incontro, il deputato israeliano Merav Ben Ari si è detta preoccupata perché l’app potrebbe incoraggiare il cyberbullismo tra i giovani e avere responsabilità negli episodi di suicidio delle vittime.

Ben Ari ha affermato in seguito ad una riunione della commissione che “durante le due ore non abbiamo sentito nemmeno una cosa che era buona di questa applicazione”. Ma David Strauss, portavoce della società sviluppatrice di Blindspot, ha risposto che l’anonimato online è “semplicemente una evoluzione, che piaccia o meno”.

BLIND16-kEs-U4315034165808XVH-1224x916@Corriere-Web-Nazionale-593x443

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...