Le conversazioni contenute nella #chat e le note vocali, salvate nella memoria dello #smartphone, possono avere valore probatorio in un processo nei confronti di chi le ha inviate?

Le conversazioni contenute nella chat e le note vocali, salvate nella memoria dello smartphone, possono avere valore probatorio in un processo nei confronti di chi le ha inviate?

Tali interrogativi d’interesse sempre più frequente e particolarmente delicati, anche considerando la leggerezza con cui spesso viene utilizzata questa app così potente, sono stati affrontati dalla giurisprudenza di merito e di legittimità, sia in materia civile che penale.

Nell’articolo linkato ecco  un’approfondita rassegna di sentenze utili per approfondire la questione e comprendere meglio se le le conversazioni contenute su WhatsApp possono avere valore di prova in un processo civile.

Alla fine dell’articolo, è inoltre disponibile una guida sintetica per chiarire in che modo possono essere correttamente prodotti in giudizio i messaggi e le note vocali in questione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.